Collane editoriali e titoli

Noutra lenva Noutra litterateura

Il leone e la lyra : poesia e patois in Valle d’Aosta / Giuseppe Zoppelli ; prefazione di Franco Brevini. - Aosta : Stylos , copyr. 2000. - 270 p. ; 21 cm. - (Noutra lenva Noutra litterateura ; 1).

ISBN 88-87775-04-4

1. Poesia dialettale valdostana.

2. Poesia valdostana -- Origini-2000.

3. Poeti valdostani -- Origini-2000.

I. BREVINI, Franco.

II. Titolo.

849 (ed. 12 rid. it.).

Euro 15,49 (i.i.)

 

La presente raccolta di saggi critici aspira a sottrarre la poesia in patois valdostano dall’alveo della poesia subalpina, dove è spesso collocata per comodità, confondendola con quella piemontese o in piemontese, per riconoscerle, finalmente, una sua autonomia, specificità e visibilità nel ricco panorama dialettale italiano.

Dopo un ampio, introduttivo excursus su tutta la produzione poetica, passata e presente, in Valle d’Aosta, colta nelle sue varie espressioni linguistiche, questo volume offre una prima, organica interpretazione e sistemazione, mediata attraverso un’innovativa prospettiva storiografica, della poesia valdostana in francoprovenzale. L’autore, infatti, analizza, in modo assai accattivante, l’opera poetica di Jean-Baptiste Cerlogne, di Eugenia Martinet e di Marco Gal, le loro differenti poetiche, concezioni e forme della poesia nonché i diversi usi della lingua poetica e del patois, esaltando non solo le discontinuità e le discrepanze che contraddistinguono e caratterizzano le loro esperienze creative, ma evidenziando anche il senso della continuità storica nel comune uso di una lingua, il patois appunto.

Ed è proprio per corrispondere all’esigenza di attribuire al patois lo status di lingua, valorizzandone adeguatamente la funzione artistica e letteraria, che è nata la collana Noutra lenva Noutra litterateura, pubblicata con il patrocinio della Città di Aosta • Ville d’Aoste ed inaugurata degnamente da questo libro, che precede, di pochi mesi, l’uscita dell’antologia Poesia in patois valdostano : antologia dei poeti francoprovenzali, curata da Marco Gal e dallo stesso Zoppelli.

Poesia in patois valdostano : antologia dei poeti francoprovenzali / a cura di Marco Gal e Giuseppe Zoppelli. - Aosta : Stylos , copyr. 2001. - 410 p. ; 21 cm. - (Noutra lenva Noutra litterateura ; 2).

ISBN 88-87775-12-5

1. Poesia dialettale valdostana -- 1855-2001 -- Antologie.

2. Poeti dialettali valdostani -- 1855-2001.

I. GAL, Marco.

II. ZOPPELLI, Giuseppe.

849 (ed. 12 rid. it.).

Euro 20,66 (i.i.)

 

La collana Noutra lenva Noutra litterateura – che aveva esordito un anno fa con il volume Il leone e la lyra. Poesia e patois in Valle d’Aosta, esaustivo profilo storico-critico della poesia in francoprovenzale valdostano – prosegue proponendo la presente antologia critica dei poeti patoisants più rappresentativi.

Ogni autore è presentato dai curatori attraverso un’agile scheda bio-bibliografica, seguita dalla bibliografia critica relativa alla sua opera poetica: da Jean-Baptiste Cerlogne a Marco Gal, e passando per Désiré Lucat, Anaïs Ronc Désaymonet, Eugenia Martinet, Césarine Binel, Marie Palmyre Falcoz Arbaney, Armandine Jérusel, André Ferré, Falère (Pietro Carlo Diemoz), Amédée Bertolin, l’antologia offre al lettore – grazie ad un’ampia scelta di testi poetici, con traduzione a piè di pagina – la crestomazia della produzione patoise nell’arco del suo secolo e mezzo di vita letteraria, dalla metà dell’800 ad oggi.

Una puntuale ed articolata Introduzione, necessaria premessa teorica all’analisi dei testi, ricapitola la storia letteraria dialettale valdostana in modo innovativo giacché, ponendosi dalla parte del patois e adottando un originale punto di vista dal basso, affronta sotto una nuova luce la questione della lingua (mentre del francoprovenzale rende conto un’aggiornata Nota linguistica) entro cui si situano le origini della poesia in patois valdostano, della quale vengono poi delineati i successivi sviluppi e gli snodi principali, nonché individuati i protagonisti e le opere.

Messaille = Eaux libres du soir = Libere acque della sera / Marco Gal ; postfazione di Giovanni Tesio. - Aosta : Stylos , copyr. 2002. - 137 p. ; 21 cm. - (Noutra lenva Noutra litterateura ; 3).

ISBN 88-87775-16-8

I. TESIO, Giovanni.

II. Titolo.

849 (ed. 12 rid. it.).

Euro 18,00 (i.i.)

 

Dopo aver pubblicato due raccolte poetiche in lingua; dopo aver esordito alla metà degli anni ottanta con le prime poesie nel nativo franco-provenzale di Gressan; dopo aver pubblicato la prima raccolta, Ëcolie, nel 1991; dopo aver raddoppiato con A l’ençon nel ’98, Marco Gal approda ora al terzo libro che s’intitola Messaille.

Tragitto esemplare di tanti poeti che arrivano al dialetto cercando una più vibrante lingua di poesia, una più segreta vena di voce rimpiattata nelle parlate periferiche ed escluse: passaggio verso l’incanto sonoro della lingua, verso l’orecchio in ascolto della mano che scrive (non importa se sulla carta o sul computer), lontano sia dalla natura standardizzata e basica (ormai) dell’italiano veicolare sia da quel linguaggio poetico che viene avvertito come incorporeo e inerte.

Giovanni Tesio